MEDITERRANEO. it

organo di informazione del Centro Studi Mediterraneo

Ordinamento dello Stato

 

Suddivisione amministrativa

Le principali divisioni amministrative francesi sono le regioni, che sono 18 (di cui 13 nella Francia metropolitana), i dipartimenti (101 di cui 5 d’oltremare) e gli arrondissements (circondari, cioè suddivisioni amministrative dei dipartimenti).

Questi circondari (arrondissements) sono divisi in cantoni (per i collegi elettorali) e in comuni (per un totale di 36 783) per l’amministrazione locale territoriale. I cantoni corrispondono per la maggior parte a comuni completi, tuttavia, alcuni importanti comuni sono suddivisi in più cantoni, che possono anche comprendere altri comuni limitrofi meno popolati.

Infine, alcune importanti comuni (Parigi, Lione, Marsiglia) sono a loro volta suddivisi in circoscrizioni di comuni per l’amministrazione locale con sindaci locali con a disposizione una certa autonomia finanziaria e amministrativa all’interno dello stesso Consiglio comunale.

Il dipartimento di Parigi comprende un solo comune. Le 5 regioni d’oltremare (Guadalupa, Martinica, Guyana francese, Riunione, Mayotte) dispongono ciascuno a un singolo dipartimento. La regione della Corsica (che comprende due dipartimenti) ha uno speciale status di collettività territoriali leggermente diverso rispetto alle altre regioni metropolitane. Queste regioni sono tuttavia parte integrante dell’Unione europea.

In seguito alle leggi Defferre del 1982-1983 e Jean-Pierre Raffarin del 2003-2004, la Francia è uno Stato decentralizzato. La riforma costituzionale del febbraio 2003 ha affermato che l’organizzazione della Repubblica è decentralizzata. Il decentramento, che è stato in prima accompagnato dalla devoluzione, sostiene ora pienamente l’emergere di un vero potere locale il cui equilibrio è ancora dibattuto.

A parte le amministrazioni locali con piena realizzazione, quali sono i comuni, i dipartimenti e le regioni, esiste anche un’organizzazione intercomunale che è portata a esercitare sempre maggiori competenze (quali lo sviluppo economico, l’uso del territorio, la politica degli alloggi, il trasporto pubblico, l’igiene). Infatti i comuni sono invitati a unirsi sotto il regime dell’intermunicipalità che dispone oramai di un’autonomia finanziaria e fiscale propria, oltre che a un riconoscimento giuridico (établissement public de coopération intercommunale o EPCI). Nel 2006, 2 573 comunità (comunità di comuni, le comunità di agglomerazioni e comunità urbane) hanno ricomposto il territorio nazionale, rappresentano il 90% di comuni e l’85% della popolazione francese. Certe intermunicipalità includono comuni di differenti dipartimenti o regioni, allo scopo anche di agevolare la gestione delle attrezzature comuni, o per politiche in materia di trasporti.

La Francia è “una e indivisibile”; ma questa formula crea qualche tensione in alcuni “paesi” o “regioni” le cui specificità, tra cui le lingue locali, non sono sufficientemente riconosciute secondo alcuni movimenti regionalisti (Alsazia, Bretagna, Catalogna del Nord, Corsica, Fiandre, Paesi Baschi, Occitania, ecc).

Costituzione

L’attuale Costituzione della Francia risale al 4 ottobre 1958 con l’entrata in vigore della Costituzione francese del 1958

Territori d’oltremare

Nel corso del XIX secolo la Francia dispose di un vasto impero coloniale. Il processo di decolonizzazione iniziato verso la metà del XX secolo ha portato all’autodeterminazione della maggior parte delle sue ex-colonie. Una parte scelse, tramite referendum, di rimanere all’interno della nazione francese, con statuti molto diversi. L’insieme di questi territori, generalmente definito come Francia d’oltremare, è composto da cinque dipartimenti d’oltremare, da collettività d’oltremare con status che offrono un’ampia autonomia, dalla Nuova Caledonia a statuto speciale, e da diversi territori disabitati, come le Terre australi e antartiche francesi.

I dipartimenti e le regioni d’oltremare hanno status identico a quello dei dipartimenti della Francia metropolitana e sono anche regioni ultraperiferiche dell’Unione europea. Essi sono Guadalupa, Martinica, Guyana francese, Riunione e Mayotte.

Le collettività d’oltremare sono dei territori con status molto diversi di autonomia. Attualmente godono di questo regime Polinesia Francese, Saint-Pierre e Miquelon, Wallis e Futuna, Saint Martin e Saint Barthelemy. La comunità di Saint-Pierre e Miquelon ha un’amministrazione locale che unisce le funzioni conferite di solito alle regioni e ai dipartimenti metropolitani. Questa collettività, anche se posta fuori dall’Unione europea utilizza l’euro come moneta. La collettività di Wallis e Futuna è costituita da tre monarchie tradizionali, i cui re governano con consigli eletti e condividendo il potere con il rappresentante dello Stato francese. Il sistema giudiziario in materia penale e civile è costituito dall’unico tribunale di primo grado che è competente per l’intero territorio. Questo territorio non è amministrativamente diviso in comuni, ma in circoscrizioni, il soggetto a capo della circoscrizione ha poteri equivalenti a quelle di un sindaco. La Polinesia Francese ha un alto grado di autonomia, che comporta un governo territoriale e un’assemblea in grado di gestire il bilancio del territorio, l’imposizione fiscale, e la legislazione sull’arcipelago. L’amministrazione di alcune funzioni (quali difesa, polizia, giustizia, e tesoro pubblico) è affidata allo Stato francese, rappresentato sul territorio da un Alto Commissario della Repubblica.

Nell’ambito dei territori d’oltremare francesi, la Nuova Caledonia ha uno status particolare. Anche se ancora organizzata su una divisione in amministrazioni comunali, la Nuova Caledonia non è divisa in dipartimenti, ma in province e villaggi (in base a una tradizione locale) con funzioni normalmente assegnate, sul continente e nelle regioni d’oltremare, ai dipartimenti e ai comuni, in particolare nei settori della giustizia, dell’istruzione e della cittadinanza. Inoltre, la funzione della regione è trasferita a un governo locale. In futuro è previsto un referendum per determinare se il territorio rimarrà entro la Repubblica francese con ampia autonomia, o diverrà indipendente, con una possibile associazione. Utilizza il Franco francese del Pacifico, adottato insieme alla Polinesia Francese e a Wallis e Futuna.

Altri territori d’oltremare francese, poco o per nulla abitati, sono gestiti da un amministratore nominato dallo Stato e costituiscono le Terre australi e antartiche francesi (TAAF, Oceano Indiano meridionale); le isole Éparses (nell’Oceano Indiano, sparse tra il Madagascar, Mayotte, e Mauritius) sono governate dall’amministrazione della Riunione; infine Clipperton (nell’Oceano Pacifico orientale, al largo del Messico) è amministrata dal governo Polinesia Francese. Queste terre non possiedono un’amministrazione locale propria.

Città principali

La Francia è un paese altamente urbanizzato; nel 2011, le sue città più grandi (in termini di popolazione dell’area metropolitana) erano Parigi (12.292.900), Lione (2.182.482), Marsiglia (1.721.031), Tolosa (1.250.251), Lilla (1.159.547), Bordeaux (1.140.668), Nizza (1.003.947), Nantes (884.275), e Strasburgo (763.739). L’emigrazione rurale è stata una questione politica molto sentita per la maggior parte del XX secolo.

 

Le maggiori città francesi.

 

Posizione Città Popolazione area urbana Popolazione comune
1 Parigi 12 292 895 2 249 975
2 Marsiglia 1 720 941 850 636
3 Lione 2 188 759 491 268
4 Tolosa 1 250 251 447 340
5 Nizza 1 003 947 344 064
6 Nantes 884 275 287 845
7 Strasburgo 764 013 272 222
8 Bordeaux 1 140 668 239 399
9 Lilla 1 159 547 227 533
10 Rennes 679 866 208 033

 

Le altre principali città della Francia sono:

Aix-en-Provence, Ajaccio, Albi, Amiens, Angers, Angoulême, Arras, Bastia, Belfort, Besançon, Brest, Brive-la-Gaillarde, Caen, Calais, Cannes, Carcassonne, Charleville-Mézières, Cherbourg, Clermont-Ferrand, Colmar, Digione, Dunkerque, Evreux, Grenoble, La Rochelle, Le Havre, Le Mans, Lens, Limoges, Metz, Montpellier, Mulhouse, Nancy, Nîmes, Orléans, Perpignan, Poitiers, Quimper, Reims, Roubaix, Rouen, Saint-Étienne, Saint-Nazaire, Tarbes, Tolone, Tourcoing, Tours, Valence e Rodez.

 

Direttore

RSS OPPORTUNITA’ COMMERCIALI

Copyright © 2018 MEDITERRANEO. it